immagine di presentazione
In biblioteca

dell'autore


su


della materia




 
Lettera a mia figlia che vuole portare il velo / Leila Djitli ; con Sophie Troubac

pubblicazione   Casale Monferrato : Piemme, 2005
descrizione   141 p. ; 20 cm
note   Trad. di Paola Lanterna


Aicha è una donna franco-algerina che si è battuta per l'integrazione e la libertà: indossa i jeans ed è orgogliosa della sua emancipazione. Nawel è una ragazza di diciassette anni che riscopre testardamente la tradizione: per ribellione, rivalsa, bisogno di protezione. E di colpo ha deciso: "Voglio portare il velo". Pronunciate sottovoce, le parole della figlia tagliano l'aria, paralizzano i preparativi per la cena, fanno crollare le certezze. La madre inghiotte la rabbia, trova la forza di dominare la delusione, rinuncia a proibire. E, invece, scrive. La sua è una lettera intima, che ribalta i luoghi comuni e rifiuta gli stereotipi. Una fiction-verità che illumina i grandi temi del rapporto uomo-donna, dell'indipendenza, dell'integralismo, della fede.
Disponibilità
bibliotecasezionecollocazionestato dati copia 
Ploaghe305.48697 DJIin biblioteca (prestabile)  bibliografia
 Inventario: 0/3950/0  
© SoSeBi srl - per informazioni commerciale@sosebi.it
WebOPAC ver. 4.1 per TLM 4.1